Yahoo Customer Service Phone Number





Most Popular


How to Create Filter in Yahoo Mail
Yahoo mail has made it convenient to communicate and share information through instant messages via emails as well as it ... ...







ASIA/INDIA - Dieci anni di violenza di massa non potevano fermare dieci anni di formazione sacerdotale

Rated: , 0 Comments
Total hits: 8
Posted on: 12/31/18
Kandhamal – Quattro sopravvissuti alla peggiore violenza anticristiana verificatasi nell'India moderna dieci anni fa, a Kandhamal, sono stati ordinati sacerdoti Cappuccini ieri, 27 dicembre. Il Seminario minore Arundaya dei frati Cappuccini, che per due volte venne attaccato e distrutto, nel 2007 e nel 2008, ha visto quattro nuovi sacerdoti: Rahul Bastaray, George Patmajhi, Anand Pradhan e Amar Kumar Singh.
Secondo le informazioni inviate all’Agenzia Fides, circa 1500 persone, 47 sacerdoti e 20 suore, si sono riuniti per la solenne liturgia di ordinazione che si è svolta nella parrocchia di Mary Matha, a Simonbadi, nel distretto di Kandhamal, nella giurisdizione dell'arcidiocesi di Cuttack-Bhubaneswar, nello stato di Odisha.
“Più di mille anni dopo Abramo, gli ebrei vivevano come schiavi in Egitto. Mosè condusse gli ebrei fuori dalla schiavitù egiziana, li condusse nella Terra Santa che Dio aveva promesso loro. È stata una chiamata di Dio impegnativa per Mosè” ha affermato nella sua omelia Mons. Sarat Chandra Nayak, Vescovo di Berhampur. Dio sapeva molto bene che se un essere umano non è libero, non è un vero essere umano.
La costituzione dell'India ci consente di scegliere qualsiasi religione da praticare, ma in alcuni stati dell'India esiste una legge anti-conversione. Dio ha scelto voi come Mosè per essere fedeli, responsabili nel guidare la gente, ha aggiunto il Presule. Abbiamo perso tutto a causa della violenza di massa del 2007-2008, ma non la nostra fede in Gesù Cristo, perché Dio ha preferito vivere tra noi, come abbiamo celebrato a Natale, il 25 dicembre, ha continuato il Vescovo.
“Dieci anni di violenza di massa non hanno potuto fermare dieci anni di formazione sacerdotale”, ha detto Ananda Pradhan, neo-ordinato sacerdote, una delle vittime della violenza anticristiana a Kandhamal del 2007-2008. Ci siamo rifugiati nella foresta al tempo della violenza. I nostri studi in seminario sono stati ostacolati, ma Dio ci ha costantemente guidato e protetto da ogni pericolo per lavorare per il suo Regno" ha affermato Pradhan.
Gli aggressori hanno dato alle fiamme l'Arunadayo Ashram, il Seminario minore, durante il primo attacco, nel 2007, iniziato nel periodo natalizio a Bamunigam. Ventiquattro seminaristi hanno dovuto fuggire nella foresta per salvarsi la vita dagli estremisti indù. Dovevano lasciare il Seminario. Sono tornati dopo aver ristrutturato le case nel mese di giugno 2008, per continuare la formazione sacerdotale.
La violenza anticristiana riprese nel 2008, nel mese di agosto. Gli estremisti indù hanno di nuovo bruciato, distrutto e saccheggiato il Seminario. Venti seminaristi si dovettero recare nel villaggio vicino e rimanere per due settimane con i cristiani, per condividere il dolore e l'agonia della gente.
“La gente di Kandhamal è povera di ricchezze ma è ricca di fede in Gesù Cristo. Sono un esempio per il mondo moderno" ha detto Melchior Kata, Ministro provinciale dei cappuccini della provincia di Mary Matha, Andhra, Telengan e Odisha, che era presente all’ordinazione.
La madre di padre Pradhan, Kristina, ha espresso gratitudine a Dio per l'ordinazione di suo figlio: "Quando Dio è con noi, chi può essere contro di noi" ha detto in lacrime, ricordando l'inumana persecuzione del 2007-2008.
I quattro novelli sacerdoti sono entrati nel seminario minore dei Cappuccini nel 2006, dopo aver completato il liceo. Hanno fatto il loro primo noviziato nella città di Kattapana, nel distretto di Idukki nel Kerala, nel sud dell'India. Gli studi di filosofia e teologia li hanno fatti in Andhra Pradesh. Hanno preso i voti definitivi nell'ordine nel 2017.


>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?